Vin brulè con anice stellata e cannella
Spezie

Vin brulè e succo di mele brulè – riscaldano nella stagione fredda

Cosa c’è di meglio che passeggiare ad un mercatino di Natale e riscaldarsi con un bel bicchiere di vin brulè? Ci riscalda dall’interno, ma anche dall’esterno.
Il vin brulè non è un’invenzione dei tempi moderni, già nel Medioevo si beveva infatti il vino speziato. Il vin brulè può anche essere acquistato già pronto in bottiglia. Tuttavia quest’ultimo non è sicuramente della stessa qualità del vin brulè che si prepara a casa dove puoi decidere tu stesso il vino da utilizzare, come dosare le spezie e quanto zucchero aggiungere.

Quali sono le spezie tipiche del vin brulè?

I classici sono certamente chiodi di garofano e cannella, ma è anche possibile aggiungere zenzero, cardamomo ed anice stellato a seconda dei gusti. Un po’ di scorza di limone e di arancia completano il sapore. Anche le fette d’arancia fresca si abbinano molto bene. Una ricetta del XIX secolo parla anche delll’aggiunta di noce moscata, anice e zafferano.

Personalmente utilizzo principalmente la nostra miscela di vin brulè (Sapori del Mondo) ed aggiungo alcune fette d’arancia fresca. La nostra miscela è composta da cannella, cardamomo, chiodi di garofano, zenzero, anice stellato e scorza di arancia e limone essiccata.
La qualità del vino è importante. I vini corposi hanno un sapore migliore come vin brulé e devono essere dolcificati meno. Anche utilizzando il vino bianco il risultato è ottimo.
Il succo di mela (per gli svizzeri: mosto) è buonissimo da utilizzare come variante senza alcool. Ho anche sperimentato una versione con lo sciroppo di bacche di sambuco e sono rimasta entusiasta.

 

Ecco la ricetta!

Vin brulè / succo di mele brulè

Ingredienti:

  • 1 l di vino (buono) o succo di mela
  • 2 cucchiai di miscela di vin brulè di Sapori del Mondo – oppure…
  • 1 stecca di cannella sbriciolata
  • 2 chiodi di garofano
  • 1 anice stellato
  • ½ cucchiaino di zenzero secco o fresco
  • ¼ cucchiaino di semi di cardamomo
  • ½ cucchiaio di scorza d’arancia
  • poca scorza di limone
  • zucchero a piacere e a seconda della qualità del vino

Preparazione:
Portare tutto ad ebollizione e cuocere a fuoco lento per 5-10 minuti, poi filtrare.
Prova anche la variante con vari sciroppi: sciroppo d’arancia oppure sciroppo di sambuco si prestano bene come alternativa analcolica.

Qual è la tua ricetta preferita per il vin brulè?

La prossima volta ci sarà una speciale treccia domenicale!

treccia al papavero

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *