cerimonia del tè

Vari tè verdi dalla Cina e dal Giappone

Il tè verde è molto importante sia in Cina che in Giappone

Infatti, viene bevuto in grandi quantità in entrambi i paesi. Tuttavia, l’elaborazione è diversa. In Cina l’ossidazione viene interrotta con del calore secco mentre in Giappone con del calore umido. Anche il tè viene coltivato e raccolto in modo diverso e tutto questo ha un effetto sul gusto del tè verde.

Maggiori informazioni sul modo tradizionale cinese di gustare il tè verde si possono trovare qui, mentre per quanto riguarda il modo tradizionale giapponese, qui.

Ecco alcuni tè verdi tipici della Cina ed alcuni tè verdi tipici del Giappone.

 

Tè verde
Tè verde cinese a sinistra
Tè verde giapponese a destra

 

Tè verdi cinesi

Gunpowder

Il Gunpowder viene prodotto in Cina oppure a Taiwan. Ogni foglia è arrotolata su sé stessa e diventa così una piccola palla. È proprio dalla sua forma che deriva il nome di Gunpowder che significa “polvere da sparo”. Il nome cinese sarebbe invece “tè di perle”. L’infuso ha un colore verde-giallastro ed un sapore fresco e amarognolo. Il Gunpowder è la base del tradizionale tè alla menta del Nord Africa.

Green Dragon dello Yunnan

Il Green Dragon è una specialità della provincia dello Yunnan nella Cina meridionale. La foglia è grigio-verde e leggermente arrotolata. L’infuso è delizioso e dolce.

 

Tè verde cinese
Tè verde Gunpowder
Tè verde Green Dragon

 

Lun Ching

Ha foglie larghe e pressate color giada ed un aroma delicato e fiorito. Dà un infuso delicato e verde.

Tè verdi aromatizzati

In Cina, il tè verde veniva aromatizzato principalmente con fiori come gelsomino, rose e osmantus. Al giorno d’oggi vengono invece spesso utilizzati aromi naturali (oli essenziali) oppure aromi artificiali. Ci sono sempre nuove creazioni ed alcuni tè aromatizzati hanno nomi di fantasia.

Gelsomino

Il tè verde al gelsomino è molto pregiato ed è tradizionalmente aromatizzato con fiori di gelsomino freschi. Viene essiccato a strati accumulando foglie di tè fresco e fiori di gelsomino freschi. I fiori vengono poi rimossi a mano e le foglie di tè vengono lavorate come qualsiasi altro tè verde. Poiché questo tè è molto costoso, è quasi sempre aromatizzato al gelsomino.

Touareg

Nel Touareg, il Gunpowder è aromatizzato con aroma di menta e foglie di menta. Questo tè viene bevuto tradizionalmente in Nord Africa ed è molto dolce e caldo.

Fiori di tè

In Cina si possono trovare anche elaborate specialità di tè, come le palline di tè. Qui le foglie di tè sono legate insieme e modellate in modo da diventare delle palline chiuse all’interno delle quali spesso viene incorporato un fiore fresco. I crisantemi, il gelsomino e l’osmanto sono particolarmente adatti a questo scopo e vengono essiccati mantenendo la loro forma. Se si mette questa pallina di tè in acqua calda, le foglie si aprono lentamente lasciando “sbocciare” il fiore. Una delizia per gli occhi! Sono particolarmente belli da guardare in una brocca di vetro. Per questi “fiori di tè” solitamente si utilizza il tè bianco, che non diventa amaro.

Nidi di tè

A volte il tè verde viene anche pressato in piccoli nidi, che si aprono lentamente nell’acqua. Molto conosciuto è il tè Toucha.

 

Tè verdi giapponesi

Sencha

È il tè più bevuto in Giappone. È fresco, tenero e delicato e dà un infuso di colore verde chiaro.

Bancha

Il tè Bancha viene raccolto dalle stesse piante del tè Sencha, ma solo verso la fine della stagione quando le foglie sono già grandi. L’infuso ha un colore verde-giallastro ed un sapore fresco e leggero. Come quasi tutti i tè giapponesi, ha un sapore leggermente erbaceo e fresco. Contiene meno teina in confronto alla maggior parte degli altri tè verdi.

Matcha

Il Matcha è un tè verde giapponese in polvere fatto solo con le foglie senza venature (Tencha). In Giappone viene usato come tè per le cerimonie. Oggi il Matcha viene utilizzato anche per cucinare, ad esempio per preparare la panna cotta o per preparare bevande come il latte matcha freddo o caldo. Il tè in polvere è molto delicato e l’unico tè che dovrebbe essere conservato in frigorifero o nel congelatore.

Gyokuro e Kabusecha

Si chiamano tè all’ombra o tè di penombra perché i cespugli sono coperti con stuoie di paglia o reti (in giapponese: kabuse) alcune settimane prima della raccolta. Le piante producono più clorofilla e teina, ma meno sostanze amare. Maturato in questo modo, si ottiene un tè morbido. Si tratta di tè molto preziosi e costosi. Kabusecha si trova anche in polvere, ma a differenza del Matcha è macinato da foglie con venature.

Genmaicha

La base di questa specialità giapponese è il tè Bancha, a cui si aggiungono riso tostato e popcorn di riso. Ha un gusto che va dal dolce al salato e solitamente viene bevuto durante I pasti.

 

Tè verde giapponese
Sopra: tè verde Genmaicha
Sotto: tè verde Sencha

 

Kukicha

Si ricava praticamente solo dalle vene delle foglie, a volte si trova anche tostato.

 

In Giappone si beve meno tè verde aromatizzato, ma naturalmente ci sono anche tè verdi giapponesi aromatizzati che vengono prodotti per l’esportazione. Ovviamente non ci sono limiti alla fantasia e l’aromatizzazione varia dal floreale al fruttato fino allo speziato.

 

Quale tè verde ti piace di più?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *