Gelatine di tè

Gelatine di tè – le caramelle asiatiche

Conosci le gelatine di tè?

Fino a poco tempo fa conoscevo solamente le gelatine salate, chiamate anche aspic

Sono gelatine di carne o di pesce che vengono servite come aggiunta ad altri piatti. Un esempio è la gelatina di vino rosso servita con la selvaggina, così come tanti altri cibi che vengono utilizzati in questo modo come uova e verdure in aspic oppure pesce in aspic.

In Asia, invece, le gelatine dolci sono molto popolari

Da un lato ci sono i loro vari gusti e dall’altro c’è la loro consistenza. Mi sembra che quest’ultima, morbida e gommosa, sia molto amata dagli asiatici.

Anche le bubble-tea sono state inventate in Asia, più precisamente a Taiwan. Queste piccole palline colorate, per lo più fredde, vengono servite nel tè al latte e sono composte da tapioca oppure da altro amido. Le palline ripiene di sciroppo vengono invece ricavate da un estratto di alghe.

A Singapore abbiamo anche trovato una bancarella che vende solo gelatine. Quest’ultime si mangiano come dolci, proprio come le caramelle in Europa.

 

gelatine di tè

 

Inoltre, molti dolci sono decorati con questi cubetti che si possono trovare in tutte le forme, in tutti i colori ed in tutti i gusti.

 

Gelatine di tè con ghiaccio

 

Tra i vari gusti c’è anche quello al tè verde al gelsomino oppure la variante matcha

La scoperta di questi gusti mi ha dato l’idea di fare queste gelatine di tè a casa, naturalmente anche perché sono difficili da trovare nei nostri negozi.

Ho provato ad utilizzare diversi tipi di tè per questa ricetta. Tè verde al gelsomino, matcha, tè nero, tè alla frutta e rooibos al limone. Anche in questo caso l’immaginazione non conosce limiti!

Tutto ciò che è liquido può essere trasformato in gelatina

Sono adatti allo scopo anche i succhi di frutta, così come la purea di frutta come quella dei cocomeri. Il mio consiglio, tuttavia, è quello di preparare il tè più forte perché si perde parte del sapore durante il processo di preparazione. Ho quindi preparato i tè due volte più forti rispetto a quello che farei per un tè normale. Infatti, ho utilizzato circa 2 cucchiaini di tè per 2,5 dl di acqua. Si può anche variare la dolcezza a seconda dei gusti, personalmente ho utilizzato 50 g di zucchero per 2 dl di tè.

Naturalmente non sapevo però come trasformare i diversi tè in gelatina. Come sempre in questi casi, ho guardato prima nelle mie scorte per vedere se c’era qualcosa di adatto alla gelificazione. Ho trovato alcune cose: fogli di gelatina, agar-agar, farina di semi di carrube e gelificante per marmellata. Devo però dire in anticipo che non tutto ha funzionato per il mio scopo, anche se la maggior parte degli esperimenti sono andati a buon fine.

Fogli di gelatina: funzionano bene, ma contengono prodotti a base di carne.

Agar-Agar: funziona molto bene ed è vegano.

Farina di carrube: si addensa, ma non gelifica e quindi purtroppo non funziona.

Gelificante per marmellata (pectina): funziona, ma non gelifica così fortemente come le foglie di gelatina o l’agar-agar e rimane infatti molto morbida e traballante, è vegana.

Tutto sommato, l’agar-agar è il mio preferito.

Un altro piccolo consiglio. Ho setacciato tutte le gelatine ancora liquide per evitare di trovare poi dei grumi nelle gelatine solidificate.

Divertitevi a provare!

 

Gelatine di tè

Preparazione10 min
tempo di raffreddamento2 h
Tempo totale2 h 10 min
Portata: Dessert, Snack
Keyword: gelatina di tè

Ingredienti

  • 2 dl di liquido Tè, succo di frutta
  • 50 g di zucchero bianco o integrale, può variare in quantità oppure essere tralasciato del tutto a seconda del gusto

Gelificante

  • 4 fogli di gelatina

o

  • 15 g di gelificante per marmellata

o

  • 3 g di agar-agar la quantità può variare da una marca all'altra

Istruzioni

  • Immergere i fogli di gelatina in acqua fredda e mescolarle poi vigorosamente al liquido caldo con una frusta.

OPPURE

  • Mescolare il gelificante per marmellata o l’agar-agar nel liquido freddo e portare poi ad ebollizione mescolando con una frusta.
  • Quindi versare in contenitori adatti. Lasciare raffreddare e poi lasciare riposare in frigorifero per circa 2 ore.

Note

Le gelatine diventano molto belle se vengono fatte negli stampi per i cubetti di ghiaccio.
Queste gelatine sono buoni sul gelato oppure semplicemente così

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *