contenitore per tè in terra cotta

Contenitori per il tè – qual’è il migliore?

 

Affiliate-link: Attraverso un “affiliate-link” indico un prodotto che mi piace, su un altro sito web. Se acquisti qualcosa tramite questo link, pagherai lo stesso per il prodotto, ma io ricevo una commissione.

Ti sei mai chiesto quali contenitori per il tè conservano al meglio il tuo “super” buono e d’alta qualità in modo che mantenga il suo sapore ed il suo aroma per molto tempo?

 

Sono felice d’aiutarti a scegliere il modo giusto per conservare il tè

 

Inizio con un po’ di storia sui contenitori per il tè

I primi contenitori per il tè furono probabilmente portati in Europa dalla Cina, semplicemente perché in alcuni casi il tè veniva trasportato in contenitori di porcellana.

Per lo più, però, il tè veniva in realtà trasportato in Europa con i velieri in grandi casse di legno. Il tè stava in viaggio per mesi perdendo così la sua qualità, anche perché le casse di legno con intarsi in stagno raramente potevano essere sigillate ermeticamente ed il tè era quindi esposto all’umidità così come agli aromi estranei.

Nel corso del tempo nelle ricche famiglie inglesi i contenitori per il tè – più precisamente le scatole per il tè – servivano principalmente a proteggere il tè dai furti e non a conservarlo. Infatti, nel XVIII secolo il tè era molto costoso e per questo motivo veniva tenuto sotto chiave dalla padrona di casa che lo preparava personalmente per la famiglia e per gli ospiti.

I contenitori per il tè erano fatti da materiali diversi ed a seconda della ricchezza della famiglia se ne preferiva uno piuttosto che un altro.

I materiali principali erano: madreperla, argento, avorio, porcellana, vetro e legno.

È solamente a partire dalla fine del XIX secolo, quando il prezzo del tè si è abbassato, che quest’ultimo ha iniziato ad essere conservato in contenitori più economici in legno o latta.

 

Mentre facevo delle ricerche per poter scrivere questo post, mi sono imbattuta in una cosa interessante. In Giappone, la corteccia del ciliegio viene trasformata in contenitori per il tè. Non ho familiarità con questo materiale, ma sembra che abbia delle buone proprietà di conservazione. In più questi contenitori sono bellissimi!

 

Qual’è il modo migliore per conservare il tè?

 

Le foglie di tè sfuse sono sensibili all’umidità ed agli odori estranei, inoltre possono facilmente perdere il loro aroma.

 

Umidità:

Il tè è un prodotto secco che attira qualsiasi tipo d’umidità come i fumi di cottura oppure la condensa del frigorifero.

contenitore per tè in metallo
Contenitore del tè in metallo

contenitori per tè in metallo contenitore per tè in metallo contenitore per tè in metallo

 

 

Odori estranei:

Il tè ha un aroma sottile e delicato che può essere rapidamente annullato da altri odori. Infatti, se il tè viene conservato vicino ad altri prodotti dall’odore forte, questo odore passerà al tè coprendo il suo aroma.

Inoltre, bisogna prestare attenzione al fatto che se si utilizza un contenitore alcune volte per un tè mentre altre volte per un altro tè gli aromi sottili si mescoleranno. Il tè di migliore qualità soffrirà, perché prende l’aroma del tè meno buono.

Non dovresti nemmeno lavare i contenitori per il tè con il detersivo, ma è sufficiente pulirli con un panno asciutto.

contenitori per tè in metallo e carta
Contenitore del tè in metallo e carta

 

Perdita d’aroma:

Il tè può perdere rapidamente il suo aroma delicato che “vola via”, per così dire. Inoltre se il tè si scalda – a causa dell’esposizione alla luce del sole oppure della vicinanza ad una fonte di calore – perde il suo aroma ancora più velocemente.

 

Conclusione:

 

Il contenitore per il tè ideale è…

 

  • Materiale inodore come vetro, porcellana, terracotta, metallo (preferibilmente inox), argento oppure bambù. Il legno è solo parzialmente adatto, bisogna assicurarsi che non abbia un sapore proprio. Anche con la plastica è necessario fare attenzione, infatti deve essere di una buona qualità. Inoltre, il tè non dovrebbe mai stare in contatto diretto con la plastica, ma in un sacchetto oppure separato dalla plastica con una stoffa.
  • Materiale opaco. Il vetro non è ideale, ma può funzionare se il tè si trova in una bustina che viene poi messa nel contenitore in vetro oppure se il contenitore in vetro si trova a sua volta in un cassetto o in una scatola.
  • Impermeabile all’aria, nel senso che il coperchio deve chiudersi il più possibile. Il legno ed il bambù sono materiali difficili per i contenitori per il tè perché “lavorano” e si deformano, quindi con il tempo potrebbero non chiudersi più completamente. I contenitori in ceramica hanno bisogno di qualcosa che li chiuda bene come una guarnizione in gomma o un tessuto.
  • Lontano dagli odori estranei.
  • Lontano da fonti di calore come radiatori, sole o fornelli.
  • Sempre destinato allo stesso tipo di tè.
  • Non lavato con il detersivo, ma strofinato con un panno asciutto.
  • Non arrugginito (attenzione alle lattine economiche).
  • Non tenuto in frigorifero. Unica eccezione: il tè verde macinato (matcha) può essere conservato per un breve periodo in un contenitore ben sigillato in frigorifero, in questo modo rimarrà fresco più a lungo.

 

 

contenitori per tè in legno scuro
Contenitore del tè in legno esotico dal Vietnam

Teedose aus exotischem Hols

 

Teedose in Holz

 

 

Ho ricevuto questo bellissimo contenitore per il tè in argilla – con un buon coperchio di chiusura – da UMITEASETS. Se lo vuoi anche tu, ordinalo qui!

Con il codice: SM5FF ricevi il 5% di sconto sulla tua ordinazione.

 

 

contenitori per tè in terra cotta contenitore per tè in terra cotta

 

Un ultimo consiglio:

è meglio acquistare solo la quantità di tè che puoi bere in circa 6 mesi.

 

Come conservi il tuo tè? Hai un buon consiglio per conservare il tè?

 

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *