spezie
Spezie

Quali parti delle piante vengono usate come spezie?

Ho già descritto che cos’è una spezia in un altro post. Ma quali parti delle piante vengono usate come spezie?

Oggi mi limito quindi a parlare delle spezie come piante, anche se a mio avviso le spezie non sono solo d’origine vegetale.

Diverse parti delle piante possono essere utilizzate come spezie.

In realtà si utilizzano tutte le parti delle piante, ma non per forza tutte le parti di una stessa pianta. A volte si usa solo il frutto, a volte invece solo la radice. Ci sono poi casi molto speciali nei quali si lavora la resina.

Ecco un piccolo (incompleto) elenco.
Bocciolo:
  • Garofani: sono i boccioli di un albero, vengono raccolti a mano poco prima dell’apertura.

 

Bulbo:
  • Cipolle: ben note anche nel nostro paese.

 

Corteccia:
  • Cannella: è la corteccia secca dell’albero di cannella. La corteccia esterna viene rimossa e utilizzata come spezia a partire dal secondo strato. I pezzi di corteccia vengono arrotolati a mano uno nell’altro per formare i bastoncini di cannella che conosciamo anche noi.

cannella-fascio

 

Foglie:
  • Foglie di coriandolo: le foglie sono simili a quelle del prezzemolo, ma solo nell’aspetto ed in nessun modo nel gusto. È possibile utilizzare anche i semi di coriandolo, ma hanno un sapore completamente diverso.

 

Frutto polposo:
  • Vaniglia: orchidea rampicante che produce fiori che sbocciano per un solo giorno e vanno a formare un frutto simile ad un fagiolo.

 

Frutto secco:
  • Pepe: frutto di una pianta rampicante. Dal “Piper nigrum” si estrae il pepe nero, verde, bianco e rosso.

pepe nero

 

Semi:

 

Radice:
  • Rafano: meglio conosciuto  nei paesi del nord, piccante.

 

Organo floreale:
  • Zafferano: vengono utilizzati solamente i tre stimmi del fiore che vengono raccolti a mano.

 

Rizoma:
  • Zenzero: è una pianta perenne che viene usata da migliaia di anni. Il suo sapore è fresco di limone, ma anche pungente.

zenzero

 

Secrezione:
  • Asafetida: il nome deriva dal persiano “aza” (= mastice) e dal latino “Foetidus” (= puzzolente). La resina viene estratta dalla radice e dallo stelo della pianta.

 

Fiori:
  • Rose: utilizzate per cucinare oppure per il tè.

 

 

Sono sempre più affascinata da quanto è variata la natura e da quante possibilità ci offre.

Conoscete altre parti di piante che vengono utilizzate come spezie? Sono felice di ricevere delle nuove informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *